iscrizioni - Isernia Camper Club

Vai ai contenuti

Menu principale:

Se sei interessato a conoscere meglio la nostra Associazione, ti invitiamo a leggere attentamente quelle che sono le norme che regolano il nostro "vivere insieme".

Per aderire all'Isernia Camper Club dovrai:

Condividere ed accettare lo Statuto e Regolamento 

LEGGI LO STATUTO                                                   LEGGI IL REGOLAMENTO


1) Compilare in tutti i campi la scheda d'adesione (qui), compreso il nome del socio presentatore, salvarla con il tuo nome e cognome 

e inviarla a:

2) dopo aver ricevuto conferma dal Consiglio Direttivo, versare la quota d'inscrizione (Una Tantum) di 10,00 €uro;
3) versare, in contemporanea, anche la quota annuale di 35,00 €uro (compreso la Camping Key Europe).

























STATUTO
 
ISERNIA CAMPER CLUB
 
 
ARTICOLO 1 
E’ costituito, con sede in ISERNIA, alla Via Umbria, n.8, una Associazione che assume la denominazione di ISERNIA CAMPER CLUB.
 
ARTICOLO 2
L’Associazione è un centro permanente apartitico, a carattere democratico e senza finalità di lucro che può aderire ad associazioni del tempo libero e culturali, secondo le deliberazioni dell’Assemblea.
 
ARTICOLO 3
FINALITA’ E SCOPI .
Sono compiti dell’Associazione: favorire, promuovere, organizzare attività culturali, sportive, ricreative, sociali e del tempo libero in genere, proporre alle Amministrazioni una adeguata programmazione turistico-Culturale del territorio, creare strutture proprie e pubbliche (con l’ausilio di Enti ed Amministrazioni) al fine di favorire l’incremento turistico itinerante (aree attrezzate), sensibilizzare gli iscritti ad un comportamento atto a qualificare l’uso di caravan, autocaravan e simili nel rispetto dell’ambiente.
 
ARTICOLO 4
Il numero dei soci è illimitato; all’ISERNIA CAMPER CLUB possono aderire tutti i cittadini che abbiano interessi compatibili con le finalità della Associazione.
 
ARTICOLO 5
Per divenire soci è necessario essere presentato da altro socio iscritto e sottoporre domanda al Consiglio Direttivo, compilando in ogni sua parte, lo stampato all’uopo predisposto adeguatamente firmato. Il Consiglio Direttivo si pronuncerà sulla ammissibilità del nuovo socio nella Seduta successiva alla data di presentazione della domanda stessa.
L’iscrizione alla Associazione comporta la piena osservanza del presente Statuto e degli eventuali regolamenti interni, nonché delle deliberazioni prese dagli organi sociali.
 
ARTICOLO 6
I Soci ed i componenti il nucleo familiare hanno diritto a frequentare i locali dell’Associazione e partecipare a tutte le attività e manifestazioni promosse dall’Associazione stesso.

ARTICOLO 7
I Soci sono tenuti al pagamento della tessera sociale all’atto dell’iscrizione, delle quote associative 
delle quote straordinarie che saranno eventualmente deliberate dall’Assemblea.

ARTICOLO 8
I Soci saranno espulsi o radiati qualora:
- si rendano morosi del pagamento della tessera sociale, delle quote associative o di quelle straordinarie;
quando non ottemperino alle disposizioni del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali;
quando, in qualunque modo, arrechino danni morali e/o materiali al Circolo e/o ai soci;
quando vengano accertate situazioni possibili di denuncia alla Autorità Giudiziaria.
Le espulsioni e le radiazioni saranno decise dall’Assemblea dei Soci che esaminerà l’istruttoria del Collegio dei Probiviri.

ARTICOLO 9 
PATRIMONIO SOCIALE
Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito:
dal patrimonio mobiliare ed immobiliare di proprietà dell’Associazione;
da erogazione e/o lasciti diversi;
- dagli avanzi amministrativi;
dalle quote sociali, dai contributi dei Soci, dai proventi derivanti alla Associazione dall’esercizio delle varie attività. Le quote sociali e le somme versate a qualsiasi titolo all’Associazione, non sono in alcun caso rimborsabili.
 
ARTICOLO 10
BILANCIO
Il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo dell’esercizio sociale, relativo al periodo dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno devono essere presentati all’Assemblea dei Soci entro il 31 marzo di ogni anno.
Il bilancio consuntivo, unitamente alla relazione del Consiglio Direttivo ed a quella dei Revisori Dei Conti, deve essere depositato presso la segreteria a disposizione dei Soci, non meno di dieci giorni prima della riunione dell’Assemblea chiamata ad approvare il bilancio stesso.
Gli avanzi amministrativi del bilancio saranno reinvestiti in iniziative culturali, turistiche, sportive e per nuovi impianti o per ammortamento delle attrezzature.
 
ARTICOLO 11
ORGANI SOCIALI
Sono organi sociali :
L’Assemblea dei Soci, il Consiglio Direttivo, i Sindaci Revisori dei Conti, il Collegio dei Probiviri.
 
ARTICOLO 12
ASSEMBLEA
Le Assemblee dei Soci, possono essere ordinarie o straordinarie.
Le Assemblee sono convocate dal Presidente mediante avviso esposto nell’Albo Sociale, almeno dieci giorni prima di quello fissato per la riunione e con lettera da spedirsi ai nuclei familiari dei Soci entro gli stessi termini.

L’Assemblea Ordinaria viene convocata annualmente nel periodo che va dal 31 dicembre al 31 marzo. Essa approva le linee generali del programma di attività per l’anno sociale, approva il Bilancio consuntivo e preventivo, delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale e sugli argomenti espressamente demandati alla sua competenza dalle norme del presente Statuto.
L’Assemblea è chiamata ad eleggere il Consiglio Direttivo, i Revisori dei Conti ed il Collegio dei Probiviri ogni due anni.
 
ARTICOLO 13 
L’Assemblea straordinaria può essere convocata anche:
tutte le volte che il Consiglio lo reputi necessario;
ogni qual volta ne faccia richiesta il Collegio dei Probiviri;
allorché ne faccia richiesta motivata almeno un decimo dei Soci.

L’Assemblea dovrà essere convocata entro venti giorni dalla data in cui viene richiesta.
 
ARTICOLO 14 
In prima convocazione, l’Assemblea sia Ordinaria che Straordinaria è regolarmente costituita con la metà più uno dei Soci, in seconda convocazione è regolarmente costituita indipendentemente dal numero degli intervenuti e delibera a maggioranza assoluta dei Presenti, su tutte le questioni poste all’ordine del giorno.
La seconda convocazione può aver luogo un’ora dopo la prima.
 
ARTICOLO 15
Le votazioni, salvo casi particolarissimi e sui quali verrà deciso di volta in volta, avvengono a scrutinio palese.
Per le elezioni delle cariche sociali, come per tutte le votazioni riguardanti persone, si procederà a scrutinio segreto.
 
ARTICOLO 16
L’Assemblea, sia essa ordinaria che straordinaria è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o in sua assenza dal Vice Presidente, o in mancanza di entrambi dalla persona designata dagli intervenuti. Le delibere adottate dovranno essere trascritte su apposito libro dei verbali.
 
ARTICOLO 17
CONSIGLIO DIRETTIVO
Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di cinque e da un massimo di undici membri eletti tra i Soci.
 
ARTICOLO 18
Il Consiglio Direttivo elegge nel suo seno il Presidente, il vice Presidente, il Tesoriere ed il Segretario e fissa le responsabilità degli altri Consiglieri in ordine all’attività svolta dalla Associazione per il conseguimento dei propri fini sociali.
In caso di dimissioni o integrazioni di uno o più Consiglieri, è riconosciuto al Consiglio Direttivo il potere di cooptare altri membri fino ad un terzo del numero dei suoi primari componenti seguendo l’ordine dei non eletti.
 
ARTICOLO 19
Il Consiglio Direttivo ove se ne renda opportuno, può avvalersi delle prestazioni di professionisti esterni.
 
ARTICOLO 20
Le funzioni dei membri degli Organi Sociali sono a titolo gratuito e saranno rimborsate le sole spese inerenti all’espletamento dell’incarico. Tutte le spese devono essere preventivamente autorizzate da apposita delibera del Consiglio Direttivo.
 
ARTICOLO 21
Il Consiglio Direttivo si riunisce ordinariamente ogni 15 gg. e straordinariamente ogni qualvolta lo ritenga necessario il Presidente o ne faccia richiesta almeno un terzo dei suoi componenti.
 
ARTICOLO 22
Sono compiti del Consiglio Direttivo:
esaminare le domande di ammissione ed esporle all’Albo per 15 gg.;
deliberare circa l’ammissione dei nuovi Soci;
redigere i programmi di attività sociali previste dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall’Assemblea dei Soci;
curare l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea;
redigere i bilanci;
compilare progetti per l’utilizzo degli avanzi amministrativi;
stipulare gli atti ed i contratti attinenti alle attività sociali;
formulare il regolamento interno da sottoporre alla approvazione dell’Assemblea;
incentivare la partecipazione dei Soci alle attività sociali.
Nell’esercizio delle sue funzioni il Consiglio Direttivo può avvalersi della collaborazione di responsabili di commissioni di lavoro da esso nominati.
Detti responsabili possono partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo con voto consultivo.
La validità dell’adunanza del Consiglio Direttivo è dalla metà più uno dei suoi componenti e le deliberazioni si considereranno approvate con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
In caso di parità prevale il voto di chi presiede.
 
ARTICOLO 23
 Il Presidente ha la rappresentanza e la firma sociale. In caso di sua assenza o impedimento sarà sostituito dal Vice Presidente. Per quanto concerne la firma sugli assegni bancari, questa dovrà essere apposta in modo congiunto dal Presidente e dal Tesoriere.

 
ARTICOLO 24
MODIFICHE DELLO STATUTO.
Le eventuali modifiche del presente Statuto dovranno essere richieste da almeno 1/5 dei Soci. L’Assemblea sarà validamente costituita dalla presenza di almeno ¾ degli associati e delibererà con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
 
ARTICOLO 25
SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE
Lo scioglimento dell’Associazione deve essere deliberato da almeno tre quarti degli Associati.
 
ARTICOLO 26
In caso di scioglimento dell’Associazione, l’Assemblea, delibera con la maggioranza di cui al precedente articolo, sulla destinazione del patrimonio residuo, detratte le passività, per uno o più scopi previsti dal presente Statuto.
 
ARTICOLO 27
Per tutte le materie non contemplate dal presente Statuto, e riflettenti le modalità di funzionamento degli Organi Sociali, si provvederà con appositi Regolamenti interni.
 
ARTICOLO 28
Per quanto non previsto nel presente Statuto, si fa riferimento al Codice Civile.























In occasione dell’Assemblea dei Soci del 20 settembre 1996
Visti gli art. 22 e 27 dello “Statuto dell’Isernia Camper Club”
VIENE APPROVATO
il seguente
REGOLAMENTO INTERNO
 
art. 1)  Il presente regolamento è parte integrante dello statuto dell’Isernia Camper Club.
 
art. 2)  Sono Soci, oltre alle persone fisiche di cui all’art. 4 dello statuto, Enti, Associazioni e Società regolarmente costituite, la cui ammissione verrà accettata dal Consiglio e che verseranno, all’atto dell’ammissione, la quota di associazione che verrà annualmente stabilita. La tessera sociale sarà intestata impersonalmente all’Ente, Associazione o Società.
 
art. 3)  I Soci che non avranno presentato per iscritto le loro dimissioni entro il 30 ottobre di ogni anno saranno considerati Soci anche per l’anno successivo ed obbligati al versamento della quota annuale di associazione.
 
art. 4)  La quota annuale dovrà essere versata anticipatamente entro il 30 marzo di ogni anno, superato tale termine il Socio potrà essere considerato moroso.
 
art. 5)  La qualità di Socio si perde per decesso, dimissioni, per morosità o per indegnità; la morosità verrà dichiarata dal Consiglio; la indegnità verrà sancita dall’assemblea dei Soci.
A parziale modifica dell’art. 8 dello statuto dell’Isernia Camper Club e nella parte in cui si prevede la espulsione : “qualora vengano accertate situazioni passibili di denuncia all’autorità giudiziaria” si precisa che “saranno espulsi coloro i quali avranno riportato condanne, anche non definitive, contemplate nell’art. 1, lett. a), b), c), d), e) ed f), della legge 18 01 1992 nr.16.
 
art. 6)  In merito ai diritti dei Soci si precisa quanto segue:
- a) sono ritenuti Soci Ordinari tutti coloro che hanno versato, oltre alla quota d’iscrizione (una tantum) stabilita dallo statuto, la quota annuale. I familiari dei Soci ordinari, da desumere da autocertificazione, sono ritenuti Aggregati e potranno usufruire delle agevolazioni riservate ai Soci.
- b) sono ritenuti Soci Frequentatori tutti i Soci residenti in altre provincie o regioni, compreso i loro familiari da desumere con autocertificazione o da quanto dichiarato sulla loro domanda di ammissione.
            Tutti i Soci, Ordinari e Frequentatori, sono tenuti a comunicare tempestivamente eventuali cambiamenti allo stato di famiglia, onde consentire l’aggiornamento dei componenti il nucleo familiare sul libro dei Soci.
 
art. 7)  I Soci frequentatori sono esentati dal pagamento di eventuali somme per l’acquisto di terreni o immobili, mentre sono tenuti al pagamento di tutte le altre eventuali somme stabilite dall’assemblea o dal Consiglio.
 
art. 8)  Fondo Comune - Chiunque può concedere in comodato beni (mobili e immobili) all’associazione. Qualora i beni stessi fossero invece conferiti gratuitamente, non potranno essere restituiti ed entrano a far parte del patrimonio sociale. I beni che formano il fondo comune appartengono in comunione agli associati. Finchè dura l’associazione non possono essere divisi nè il singolo socio può pretendere la quota in caso di recesso.
 
art. 9)  Tutte le controversie sociali tra Soci, e tra questi e l’associazione o i suoi organi, saranno sottoposte, con esclusione di ogni altra giurisdizione, alla competenza di tre probiviri da nominarsi in assemblea; essi giudicheranno “ex bono et aequo” senza formalità di procedure. La loro decisione sarà inappellabile.

 
 
Con successiva Assemblea dei Soci del 19 dicembre 1998
Visti gli art. 22 e 27 dello “Statuto dell’Isernia Camper Club”
VENGONO APPROVATI
gli ulteriori articoli del
REGOLAMENTO INTERNO
 
art. 10)  Nel caso in cui l’assemblea dei soci ravvisi la necessità di intervenire con un contributo economico straordinario, tale contributo sarà richiesto con un’unica quota per nucleo familiare, anche se in una famiglia, dovessero esserci più soci.
 
art. 11)  I locali in uso dell’Associazione potranno essere assegnati temporaneamente, e solo dietro delibera, ai Soci che ne facessero richiesta per: compleanni, onomastici, anniversari etc.;
 
art. 12)  Non è ammesso alcun intrattenimento che abbia finalità di lucro e/o politiche e non potranno essere pretese dagli ospiti quote per la partecipazione alle manifestazioni neanche sotto forma di rimborso spese;
 
art. 13)  Il Socio che fa richiesta della sala, dovrà compilare l’apposito modulo relativo alla richiesta della sala; versare al momento della richiesta la cifra di cauzione;
 
art. 14)  Il Socio richiedente, o il suo coniuge, ha l’obbligo di essere presente per tutta la durata della festa e sarà responsabile del corretto comportamento degli ospiti e per gli eventuali danni da essi provocati;
 
art. 15)  Possono ottenere l’uso della sala solo i soci in regola con il pagamento della quota sociale e Ogni intrattenimento non potrà superare la mezzanotte del giorno stesso;
 
art. 16)  Il Socio richiedente è tenuto ad occuparsi della preparazione della sala e della pulitura della stessa (ove vi fossero, bagni compresi) subito dopo la manifestazione, e comunque non oltre le ore 12, 00 del giorno successivo, e l’immondizia dovrà essere depositata nei cassonetti comunali posti all’esterno dei locali;
 
art. 17)  La sala non potrà essere prenotata per organizzare feste per attività sociali che sono di competenza del C.D. (Veglioni, Festa della Donna, del Papà, della Mamma etc.);
 
art. 18)  La sala verrà concessa ad insindacabile giudizio del C.D.;
 
art. 19)  Il Consiglio Direttivo, qualora sia ritenuto necessario, potrà delegare uno o più consiglieri per essere presenti in sala, per il controllo della manifestazione e/o delle strutture, mentre sarà vietato l’accesso agli altri Soci non invitati;
 
art. 20)  Il Consiglio Direttivo si riserva il diritto di annullare la concessione anche nel corso della manifestazione, qualora il richiedente contravvenisse ad uno dei precedenti articoli;
 
art. 21)  Il Socio richiedente dovrà versare un assegno di £. 500.000 (cinquecentomila) quale cauzione per eventuali danni provocati dall’organizzatore o dai suoi ospiti. Tale cauzione verrà restitutita dopo un controllo della sala da parte di un Consigliere del C.D.;
 
Torna ai contenuti | Torna al menu